Campo estivo esploratori e guide 2019

La vita all’aperto è la vera meta dello scautismo e la chiave del suo successo” (Baden Powell)

La vita all’aperto sembra quasi una scelta controcorrente, abituati alle comodità di ogni giorno. Dal 28 luglio all’8 agosto, dei ragazzi hanno imparato che questa vita apparentemente piena di ostacoli può portare grandi soddisfazioni. Dodici giorni  di campeggio dove il fuoco diventa l’unico mezzo per cucinare e la tenda una confortevole casa che ripara dalla pioggia. Senza social network, ma con un cerchio intorno al fuoco sotto le stelle per raccontarsi le storie.

Questa volta gli esploratori e le guide di Caravaggio hanno scelto di vivere il consueto campo estivo in una località marittima. I boschi che si affacciano sul mare di Genova Nervi sono stati la casa per una quarantina di  ragazzi che si sono messi in gioco tra tecniche scout, costruzioni con corde e pali in legno e gare di cucina, rigorosamente sul fuoco. 

Una storia di principi, re e principesse è stata la cornice per le varie attività, che i ragazzi hanno vissuto anche in prima persona: proprio come in un villaggio medievale, esploratori e guide hanno dovuto arrangiarsi preparando focacce per ogni pasto, utilizzando un grosso forno a legna in pietra. 

Le centinaia di gradini che sparavano il campo dalla spiaggia hanno reso un bagno al mare ancora più avventuroso. La fatica è stata ripagata dall’incontenibile entusiasmo dei ragazzi e dallo splendido paesaggio ligure con scogli a picco sull’acqua.